La prima edizione del progetto Draft Book che SignDesign ha pensato e realizzato per Geberit, si conclude con una pubblicazione di 180 pagine in cui circa 70 studi di architettura disegnano la loro idea di “concept” per il bagno. Uno spazio che diventa sempre più living è l’idea dalla quale l’agenzia è partita per progettare un format di eventi che potesse coinvolgere il target di Geberit: i progettisti.

E non c’è modo più strategicamente appropriato di coinvolgere un progettista se non facendolo esprimere. Soprattutto nei terreni mai percorsi, limite tra la proposta creativa e l’esigenza del committente. «Come è fatto lo spazio dedicato al bagno che vorresti progettare e che “è troppo in là” per un cliente?». È questa la domanda che SignDesign ha fatto in modo di rivolgere ai progettisti, il tutto rigorosamente tracciato con un segno a mano, un “draft” appunto che più descrittivo fosse evocativo.

Ed ecco il risultato. Un libro di idee, pensieri, filosofia di progetto fuori da ogni costrizione, in cui l’espressione diventa immediata, istantanea, senza ripensamenti.
Talmente coinvolgente che Geberit stessa ha chiesto a SignDesign di introdurre nella presentazione della prima pagina, il progetto espresso in quelle successive.